LETTERA APERTA AL SINDACO, ALLA GIUNTA ED AL CONSIGLIO COMUNALE

Lettera aperta al Sindaco, alla Giunta ed al Consiglio Comunale

Genitori, insegnanti e personale scolastico delle tre scuole dell’Istituto Comprensivo Centro 3 di Brescia si sono ritrovati insieme per valutare la situazione, alla luce della comunicazione pervenuta il 27 aprile dagli assessori Roberta Morelli (Scuola) e Valter Muchetti (Rigenerazione urbana).

Dopo la mancata promessa del sindaco (dicembre 2014) di individuare assieme alla scuola soluzioni condivise sugli edifici, dopo le uscite estemporanee di rappresentanti dell’amministrazione su ipotetici smembramenti o accorpamenti delle scuole (che abbiamo più volte contestato anche pubblicamente), quest’ultima lettera che ancora oggi, alla fine di un altro anno scolastico, non esprime un progetto ma ipotesi ancora al vaglio, ci ha lasciato sgomenti.

Unanime è lo sdegno per lo stato delle scuole, appena un poco mitigato dalle promesse fatte verbalmente alla dirigenza di interventi nei plessi delle primarie, che sarebbero finanziati dal bilancio appena approvato, ma di cui invano si è cercata conferma nella missiva dei due assessori;
sdegno di nuovo lievitato per la recente inagibilità della biblioteca al secondo piano della scuola Manzoni, ”per problemi strutturali”, proprio quella scuola Manzoni da cui si sarebbero dovuti togliere i bambini della primaria per far posto ai più numerosi ragazzi della secondaria;sdegno ancor più cresciuto per la sconcertante reiterata dichiarazione che, a poco più di un anno dalla scadenza del contratto di affitto della Mompiani, non ci sono ancora proposte ufficiali sul destino della scuola, ma solo varie ipotesi, essendo i tecnici ancora impegnati a verificare la situazione degli immobili.

Genitori, insegnanti e personale scolastico non ritengono credibile tale affermazione,

  • –  perché sarebbe indice di altrettanto non credibile ignoranza del patrimonio immobiliare in uso al

    comune, della sua consistenza e stato di conservazione;

  • –  perché su questa ignoranza i tecnici comunali non avrebbero potuto operare delle scelte per la

    pianificazione puntuale dei lavori approvata dal bilancio comunale pochi giorni fa, e tantomeno

    l’adeguamento alle norme antincendio;

  • –  perché sono anni che i tecnici comunali conoscono le scuole e vi svolgono sopralluoghi per le

    reiterate richieste di manutenzione ordinaria e straordinaria,

  • –  e perché dopo l’intervento dell’ASL i tecnici comunali hanno dovuto comunque prendere visione

    dello stato degli edifici ed operare i conseguenti interventi.

    Allo stato dell’arte genitori, insegnanti e personale scolastico, per non cadere vittima di disorientamento e di sfiducia verso chi governa la città, chiedono con forza quale sia l’indirizzo politico che questa amministrazione intende assumere per l’Istituto Comprensivo Centro 3.

    Nell’attesa di essere parte attiva di interlocuzione democratica, rispettosa dei diversi ambiti di competenza,

    genitori insegnanti e personale scolastico dell’intero Istituto si considerano mobilitati

    • –  in difesa del diritto allo studio dei propri figli, in ambienti sani, sicuri e decorosi;
    • –  in difesa della presenza di tutte e tre le scuole all’interno del quartiere, perché parte integrante di esso, e per il valore sociale che esse hanno rappresentato e rappresentano,

      singolarmente e nel loro insieme,

    • –  per riaffermare con forza il diritto costituzionale di scelta da parte delle famiglie del progetto

      educativo per i propri figli, progetto offerto dall’Istituto Centro 3 con le proprie specificità (tempo pieno a 40 ore, servizio mensa, attività didattiche laboratoriali, indirizzo musicale, inglese veicolare) che richiedono l’utilizzo di spazi adeguati in qualità e quantità.

      Auspichiamo che l’amministrazione comunale voglia considerare i costi della scuola come investimenti per il futuro della nostra società e che condivida l’idea che nessuno, siano genitori, insegnanti, amministratori scolastici, amministratori pubblici od anche soggetti indirettamente coinvolti, possa ritenersi affrancato da responsabilità morali ed oggettive quando è in gioco il diritto dei minori.

      Firmato
      Genitori, Insegnanti e Personale scolastico dell’Istituto Comprensivo Centro 3.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...