Giardini di via Odorici – Lettera alle autorità

Riportiamo la lettera, inviata alle autorità cittadine, da parte della presidenza del Comitato, in merito alle valutazioni definitive sul progetto relativo all’ampliamento dei giardini di via Odorici.

Invitiamo caldamente tutti i genitori sensibili all’argomento a postare sul sito le loro impressioni e il loro parere, in modo da dare maggior peso alla posizione presa dal Comitato .

giardini pubblici, bambini, spazio verde, verde pubblico, parco giochigiardini pubblici, bambini, spazio verde, verde pubblico, parco giochi

“Acchiappasogni” – E’ nato l’orto sociale

Sono un gruppo di ragazzi di vent’anni che si sono inventati un orto biologico dove andare a “fare spesa” prendendo i prodotti direttamente dalla terra.

Un’esperienza del tutto particolare e aperta a tutti quelli che vogliono riscoprire il proprio rapporto con la terra.

Se qualcuno fosse interessato anche a portarci i bambini, sono più che disponibili ad armarli di badile e zappa per fargli passare un pomeriggio diverso dal solito. (eliacammarata@libero.it)

Oggi sul Giornale di Brescia è uscito un articolo che racconta di loro:

http://www.giornaledibrescia.it/economia/acchiappasogni-e-nato-l-orto-sociale-1.1126961

Resoconto Riunione Comitato 22 febbraio 2012

Il Comitato si è riunito lo scorso 22 febbraio per la prima volta nella sua veste di associazione e, come tale,  ha innanzitutto  cercato di darsi un piccolo assetto organizzativo interno,  per garantire dei punti di riferimento  nello svolgimento di tutte le sue  attività.

A fianco delle figure di presidente, Erica Morato, e di segretario, Paola Rigobello,  è stato aggiunto  il ruolo di tesoriere, affidato ad  Anna Ramorino,  che curerà il rendiconto economico dell’associazione.

 

Questi sono  i ruoli ufficiali, ma naturalmente il Comitato continua a muoversi  come sempre,  con la collaborazione spontanea  di tutti: così un gruppo si è offerto di riordinare ed inventariare tutti i nostri “beni” (frigo, gazebi, ombrelloni, …),  e un altro di organizzare il prossimo appuntamento, il “rogo della vecchia”, che  avrà luogo il 15 marzo pomeriggio e che, come di consuetudine, prevede, dopo l’esibizione dei bambini e il  falò delle paure, una merenda rinfrancante, organizzata dalle U.O.

Nella riunione abbiamo deciso di fare anche una raccolta fondi per sostenere le gite scolastiche, vendendo biscotti fati in casa e uova di pasqua. Chi sa fare biscotti  e ha voglia di collaborare  si metta in contato con Alison:  333 84798160

 

Sempre per gli aspetti organizzativi, si è considerato che, negli anni, per ciascun appuntamento (accoglienza inizio anno, corsi post scolastici, open day, cioccolata di Natale, rogo della Vecchia e festa di fine anno) abbiamo scritto lettere, volantini, avvisi, che  intendiamo trasformare in un nostro piccolo archivio storico.

Occorre  trovare  una collocazione  virtuale  di questi documenti, che vorremmo tutti in formato digitale,  in un luogo condiviso del web, per consentire la più rapida reperibilità, al momento del bisogno. Nicola si è offerto di verificare la fattibilità, ma  se qualcuno ha delle idee, è  ovviamente pregato di farsi avanti.

 

Il Comitato ha inoltre esaminato ed accolto  le richieste di  contributo ricevute dalle Unità Operative (classi) seconde e terze, per progetti  speciali  e uscite didattiche.

Si è deciso inoltre di sostenere anche un evento importante della Scuola Mompiani, ossia la partecipazione ad un concorso nazionale  per orchestre scolastiche; in cambio, gli alunni della Mompiani si sono resi disponibili ad un concerto presso la nostra scuola.

 

Altri temi trattati:

–          Progettazione partecipata (il tema è sviluppato nel nostro sito): si procede ad una valutazione di come  dare seguito a questo progetto realizzando i mobili progettati con le idee dei bambini

–          Situazione della scuola: drammatica situazione economica, con zero contributi dal Comune per il Diritto alla Scuola. Andrea Vigoni si è offerto di approfondire  la normativa di riferimento, per vedere se abbiamo qualche possibilità di ricorso

–          Rifacimento Giardini di via Odorici: attendiamo di essere convocati dalla Circoscrizione per  discutere delle problematiche della cantierizzazione e vedere l’ultimo progetto.

ROGO DELLA VECCHIA

Immagine

PROGRAMMA
ore 15 ritrovo nel cortile della scuolaore 15.30  rogo della “vecchia”con musiche e canzoniseguira’ una merenda per tutti i presenti offerta dai genitori della scuola caliniore 16,15 – le bambine e i bambini rientreranno nelle loro classi

ore 16.30 – tutti a casa!

OGGI BRUCIAMO TUTTO CIÒ CHECI CREA DISAGIO E CHE CI FA PAURAPERCHÈ LA NOSTRA VITA SIA PIÙ SERENA!

Per la merenda siete tutti invitati a portare a scuola:

CLASSI PRIME:bicchierini, tovaglioli, piatti di plasticaCLASSI SECONDE: bibite(succhi di frutta, aranciata, coca cola, sprite…)

CLASSI TERZE: qualcosa di salato

(patatine, pop-corn, panini, focaccia, pizza…)

CLASSI QUARTE E QUINTE: qualcosa di dolce

(torte, frittelle, chiacchiere, lattughe…)

TUTTO DOVRÀ ESSERECONSEGNATOFIN DAL MATTINO

A SCUOLA

VENDITA DI UOVA DI PASQUA PER AUTOFINANZIAMENTO DELLA SCUOLA

In uno dei momenti più oscuri per la nostra città, il rogo è stato uno strumento di morte, repressione, oppressione. La caccia alle streghe, i processi, le torture, le ingiuste sentenze, i roghi praticati in tutta la provincia, assieme ad altre forme di censura pubblica e privata sono stati, per lungo tempo, spettacolo atroce e consueto del popolo bresciano. Il rapporto fra l’uomo e il fuoco ha però radici molto antiche. Le sue qualità positive, la sua luce, il suo calore, la sua forza hanno indotto l’uomo, fin dall’antichità, a dominarloe farne poi buon uso nei riti volti allo scopo di sconfiggere i suoi nemici naturali: il buio, il freddo, la notte, l’inverno e, addirittura, la morte. I primi agricoltori che, bruciando una porzione di foresta, si ritrovavano a coltivare una terra che per alcuni anni risultava fertile, attribuirono al fuoco, anzichè alla cenere prodotta dalla combustione degli alberi, il merito dei buoni raccolti e, di conseguenza, della sconfitta della fame. Così il fuoco è diventato strumento di esorcismo contro ogni male, simbolo della forza e di coraggio con cui affrontare sventure, disgrazie, prepotenze, minacce.

VI RINGRAZIAMO E VI ASPETTIAMO ALLA FESTA!!!!!!