Questa sera comitato – ore 20,45

Pubblico l’ordine del giorno, redatto dall’instancabile, infaticabile, ineccepibile Paola (senza di lei…)

Cari amici,  vi propongo l’ordine del giorno ragionato, per agevolare la discussione e riuscire a contenerla nelle due ore che abbiamo a disposizione.

1. Organizzazione dell’Associazione: nomina del tesoriere e conferimento deleghe

L’Associazione è costituita e  affiliata al Coni. Ora bisogna organizzare tutte le attività e, per farlo, occorre che ci distribuiamo i compiti.
Dobbiamo avere referenti per le seguenti aree:
a) Settore amministrativo:
– gestione fondi  e beni dell’associazione  (apertura conto corrente, impostazione rendiconto economico, elenco dei beni dell’associazione, ecc…)
– gestione soci: tenuta libro soci, gestione tesseramenti, …
– predisposizione modulistica per l’attività amministrativa (moduli di iscrizione, ricevute, moduli per rilascio compensi agli istruttori, ….)
– gestione della documentazione dell’Associazione (certificati, tessere, verbali delle riunioni, adempimenti,…)
– rapporti formali con la Scuola e con altri Enti


Per queste attività, in parte proprie del segretario (e che, come tale, garantisco)  occorre individuare un Tesoriere che, assieme al Presidente, abbia la firma sul conto; risulta indispensabile anche che almeno un paio di persone  affianchino queste figure  sia per dare un aiuto che per garantirne la sostituzione in caso di assenza prolungata. SERVONO CANDIDATURE

b) settore organizzativo

Serve un gruppetto di persone che coordini le nostre attività:
accoglienza di inizio anno,
organizzazione corsi
open day,
cioccolata di Natale,
rogo della Vecchia,
festa di fine anno 

Le attività  vanno dall’organizzare in un luogo unico tutta la documentazione (avvisi, moduli, indirizzi, comunicati, ….) su carta e su file, all’organizzazione vera e propria, quindi anche all’attività di approvvigionamento di quanto serve per gli eventi. Qui i nomi devono essere  tanti

c) settore immagine e comunicazione

– predisposizione del documento di presentazione dell’associazione (la presentazione andrà fatta in occasione del rogo della Vecchia)
– promozione dell’associazione
– cura del sito web e suo sviluppo
– rapporti con la Stampa
– rapporti con altri Enti
– messa a punto (dal punto di vista grafico) della modulistica
– ….

Questi sono i tre settori  di massima  per ciascuno dei quali si richiedono candidature (necessariamente in ognuno di essi deve esserci un rappresentante formale del Direttivo).
ciascuno può dare la sua disponibilità per più settori; l’impegno può essere  anche quello del “gregario”, se ci sono difficoltà di qualsiasi natura che impediscono  un’assunzione di responsabilità diretta. L’importante è che il gruppo sia  nutrito e che non ci siano solo i referenti che alla fine lavorano da soli!!!!

PROPOSTA:
Una volta  individuate in linea di massima le persone che hanno interesse ai vari settori, propongo di  organizzare delle riunioni  separate perché il gruppo di lavoro   approfondisca  quanto c’è da fare e poi relazioni sinteticamente a tutti in un’altra riunione del Comitato.

2. Richiesta di contributi   e nostre donazioni

– Contributo  per gita scolastica U.O. 3
– Contributo per partecipazione al concorso musicale per orchestre scolastiche di Catania delle classi 2° della Mompiani
– donazione alla Scuola attrezzatura  multimediale

3. 

Laboratorio di Progettazione Partecipata.
Riporto quanto scritto da Nicola:
Martedì 14 febbraio il team di progettazione guidato dal professor Valerio Villa (Dipart. di Ing. Meccanica e Industriale Universita’ degli Studi di Brescia) ha presentato alle classi seconde l’esito del laboratorio tenuto durante i mesi autunnali.

Durante il laboratorio due studenti della facoltà, Federica di Giacomo e Andrea Cè, hanno raccolto tutti i desideri, le necessità e le idee dei bambini in merito alla classe che  avrebbero voluto. Sulla base di questo materiale hanno progettato un arredo funzionale alle loro esigenze, di fatto funzionale alle esigenze didattiche di quelle due classi.
(…)

Durante la presentazione i bambini hanno potuto vedere delle simulazioni in 3D proiettate sullo schermo e, punto di particolare emozione, vedere anche due prototipi di tavolino: due banchi veri e propri che i bambini hanno potuto toccare e sollevare, cosa non da poco, visto che la leggerezza era uno dei requisiti che i bambini avevano richiesto.
L’emozione, quando i banchetti sono stati mostrati, è stata palpabile ed intensa, i bambini avevano le bocche spalancate e negli occhi la meraviglia. Un’emozione che non ha potuto che contagiare tutti gli adulti presenti: sembrava la mattina di Santa Lucia.

Ovviamente la speranza di bambini ed insegnanti è che questo progetto possa diventare reale, sia perchè i mobili sono davvero belli, ma soprattutto perchè risolvono tanti problemi funzionali delle aule e dei corridoi.

Per comprenderle, queste resistenze, vanno viste in un quadro più grande di quello limitato alla scuola Calini: se viene chiesto l’intervento del Comune gli arredi devono essere idonei non solo alle aule dei nostri bambini, ma a quelle dell’intera città.

Il progetto ha destato grande interesse, anche a seguito del bell’articolo uscito sul Giornale di Brescia e sono in tanti quelli che si sono attivati per riuscire a rendere concreto il progetto.
In primis il professor Villa che ha contattato  Umberto Dattola, il falegname-designer di Ome di Clab4design, che ha dato la sua disponibilità “a dare una mano”.Un genitore di seconda si è poi attivato per recuperare bandi a cui si potrebbe accedere per poter chiedere un finanziamento.

Rimane da decidere cosa voglia fare il Comitato in merito al progetto.

Possibili strategie per raccogliere fondi:
1 – Chiedere finanziamenti pubblici
2 – Chiedere finanziamenti a Fondazioni
3 – Trovare donatori privati
4 – Sponsor finanziari
5 – Trovare donatori per il  legname+autocostruzione.
6 – Collaborazioni con Scuole bottega o CFP

4. Rogo della Vecchia

– data (come decisa da scuola)
– organizzazione:  come deciso da punto 1
– organizzazione, in quella sede, della presentazione dell’Associazione e del tesseramento

5. Progetto di via Odorici 

Date un’occhiata alle lettere pubblicate sul nostro sito.

6. Situazione scuola

Allarme finanziamenti. Resoconto dal Consiglio di Istituto.

Spero di non aver dimenticato nulla. Nel caso, segnalatemelo. Se servono approfondimenti prima di domani, sono disponibile, per quanto posso!

Ci vediamo domani

Paola

Giovani progettisti in erba!!!!

Oggi è un giorno speciale per i bambini di seconda:
il team di progettazione della facoltà di ingegneria ha presentato l’esito del laboratorio tenuto nella prima parte dell’anno.

In pratica i tesisti di ingegneria hanno raccolto le impressioni, i desideri, le necessità dei bambini e hanno poi provato a immaginare un arredo scolastico a misura dei nostri figli.

Hanno quindi presentato le diapositive e, soprattutto, hanno portato due tavolini prototipo che i bambini hanno potuto toccare e “usare”.

Un’esperienza davvero unica: un lavora di fantasia  è diventato concretezza!

I bambini erano entusiasti e  hanno chiesto quando sarebbero arrivati i nuovi mobili in classe…

Ovviamente la produzione degli arredi non è prevista, ma sarebbe bello riuscire a realizzarli davvero. “Ci vorrebbe uno sponsor per il legno, un bravo falegname che ci dia una mano e un po’ di tempo libero dei papà” – ha sussurrato qualche voce interessata.

Un po’ meno entusiasmante il confronto con i tecnici del comune…

Era presente infatti una delegazione della nostra municipalità capeggiata dal presidente di circoscrizione Bonardi che si è dimostrato multo interessato e disposto a spendersi per trovare i fondi necessari a coprire i costi, poi però si è  trincerato  dietro la necessità di verificare la fattibilità tecnica.

Il tecnico comunale, responsabile della sicurezza, ha fatto presente che come amministrazione comunale devono verificare che ci sia il rispetto di tutte le normative ed i regolamenti. E fin qui la cosa va bene.
Fuori luogo, a mio avviso, l’osservazione che i mobili che entrano in classe devono essere  adatti a tutte le scuole della città. Questa è una considerazione che non può reggere in questo caso perchè questi mobili sono prima di tutto l’esito di un percorso didattico fatto da questi bambini, pertanto non serve che vadano bene a tutta la città, serve che vadano bene a questa scuola e a queste classi.

 

Team di progettazione:

Federica di Giacomo e Andrea Cè – Laureandi in Disegno Industriale
Diego Paderno, anima e corpo dei Laboratori di Disegno Industriale.
Prof. Valerio Villa – D I M I – Dipart. di Ing. Meccanica e Industriale – Universita’ degli Studi di Brescia

PROGETTO DI RIFACIMENTO DEI GIARDINI DI VIA ODORICI

Ecco quanto emerso dalla riunione del 1 febbraio, in Circoscrizione, alla quale hanno partecipato:

Presidente di Circoscrizione  e Progettisti

Rappresentanti di:

Scuola Primaria Calini

Comitato Genitori Calini

Genitori Scuola Carboni

Auser

Cinema NuovoEden

Banda musicale

  • L’accesso/uscita al parco, invariato, avrà una struttura esterna di protezione dal traffico stradale, in sostituzione dell’attuale catena;
  • È stato garantito il mantenimento di tavoli e sedie sia per bambini che per adulti. È stato auspicato che siano posizionati anche nell’area giochi, perché chi staziona in quest’area, grande o piccolo che sia, possa usufruirne;
  • Gli alberi attuali vengono mantenuti. Si spostano nel giardino attiguo (S. Filippo) alcune piante di ortensie, in quanto (abbiamo appreso) tossiche.
  • L’area giochi. È stato il punto più discusso. La copertura del terreno in materiale sintetico, per quanto garantito, continua a destare la nostra perplessità, non tanto per il materiale in sé, ma per la sua estensione sull’intera area giochi. Vorremmo ribadire l’invito a circoscriverlo attorno  ai giochi e a  lasciare il terreno a prato. Non stiamo parlando di prato inglese, ma di erba calpestabile,  di scarsa crescita e di facile manutenzione. Va detto che  anche una pavimentazione sintetica va almeno lavata con una certa frequenza.
  • I giochi: è stato messo a disposizione un nutrito catalogo  per poter dare suggerimenti. Sul progetto è previsto  uno scivolo che sfrutta la pendenza della collina, altalene e giochi a molla.
  • È stata poi  unanime – e accolta, peraltro –  la richiesta di evitare i giochi con l’acqua  e le cabine.
  • Il parco e la scuola:   la Scuola manterrà due accessi, l’uno al parco giochi, prospiciente l’ascensore  e la scalinata verso la “collina”, l’altro in corrispondenza dell’anfiteatro che potrà essere usato quindi per spettacoli (la platea occuperà anche l’area del cortile dietro l’Eden). Verrà predisposta, lungo tutto il perimetro dell’intera area a verde, oltre che a tutela dell’area spettacolo, una cancellata aperta, alta 2 metri, posizionata sull’attuale(o analoga)  muratura che garantisce la scuola e il parco rispetto a possibili intrusioni.
  • È stata accolta con interesse la proposta dell’orto di scuola, ci siamo impegnati a fornire ogni dettaglio per valutarne la fattibilità. In caso non fosse possibile,  confermiamo comunque la richiesta di uno spazio in cui dare continuità ai microprogetti botanici che da sempre la Scuola attua grazie alla contiguità con il parco.
  • I lavori partiranno in marzo e verranno ultimati a fine maggio. Per tutta la fase di cantiere verrà predisposto un piano  che garantirà la sicurezza a tutti i confinanti.

Se volete lasciare un vostro commento a questo post, oppure inviate una mail(info@comitatogenitoricalini.it), oppure  su carta, lasciandolo nella cassetta del Comitato Genitori, in bidelle ria

Mercoledì invieremo alla Circoscrizione la sintesi di tutte le osservazioni